Alfredo Castelli, dal fantastico all’avventura

Alfredo Castelli è uno dei numi tutelari del mondo del fumetto italiano.

Fumettista e critico letterario, è considerato uno dei maggiori esperti in Italia di cultura pop legata al mondo delle nuvole parlanti. La sua attività di storico si accompagna ad una grande disponibilità e simpatia.

La sua passione per la fantascienza, il fantastico e l’avventura lo hanno portato nel 1982 a creare la sua creatura più nota al grande pubblico, Martin Mystère.

Il suo esordio, appena diciottenne, è su Diabolik, personaggio che poi scriverà in numerose occasioni.

Castelli è stato anche il primo in Italia a portare la cultura delle fanzine: la prima di una lunga serie, dedicate al fumetto ma anche all’horror e altre nicchie culturali, è Comics Club 104.

Altri personaggi di cui si è occupato sono Topolino, Tiramolla, Pedrito El Drito, Rocky Rider, L’Ombra e il folle e autoironico L’Omino Bufo.

Prima di creare Martin Mystère, per Bonelli ha scritto storie di Zagor, Mistero NO e Ken Parker

A SteamCon, accanto agli incontri con i fan, Alfredo presenterà una delle sue più recenti opere, “The Babbage Issue – Il Segreto di Babbage”, racconto di fantasia incentrato sulla figura di Charles Babbage, matematico e inventore del concetto di macchina calcolatrice programmabile, nella sua accezione primitiva più completa.